info-20 gennaio 2012

This post is also available in: Inglese Francese Spagnolo Portoghese, Portogallo

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

La giornata, iniziata con la celebrazione eucaristica presieduta dal superiore provinciale della Società San Paolo, don Vincenzo Marras, è stata dedicata al tema dell’economia in relazione alla missione.

Nella sua relazione, sr. Annamaria Gasser ci ha aiutate a entrare «nel mondo delle logiche e delle leggi che hanno regolato l’economia nell’ultimo secolo, e tentare di capire le dinamiche che stanno cambiando anche la visione e l’applicazione di questa scienza». L’appello è quello di modificare alcuni parametri del nostro agire se vogliamo non solo mantenere, ma anche ampliare e dare sviluppo alle nostre attività. In realtà il fattore economico incide, e spesso condiziona, le nostre scelte apostoliche.

Quindi sr. Gabriella Santon, economa generale, dando continuità alle riflessioni già avviate in precedenti incontri, ha sottolineato la necessità dell’equilibrio tra apostolato ed economia, una delle più grandi sfide da affrontare perché «l’economia è al servizio dell’apostolato». Occorre quella saggia amministrazione che è, essenzialmente, collaborazione e coordinamento tra i settori apostolici, ricerca del giusto equilibrio tra ricavi e costi, buona organizzazione.

Dopo un interessante confronto con le relatrici, nel pomeriggio le partecipanti si sono alternate per presentare, brevemente, le proiezioni sul futuro delle nostre librerie in Europa, un cammino aperto alla speranza, nel segno della collaborazione tra noi e con i laici.

Sr. Battistina, la nostra facilitatrice, ha poi ripreso alcune conclusioni maturate a Francoforte (ottobre 2011) nell’incontro delle sorelle incaricate dell’Editoria in Europa e le proposte scaturite dall’incontro su Abitare la rete e uso del digitale (Roma, settembre 2011). Nei lavori dei prossimi giorni, dedicati all’elaborazione del Progetto globale continentale, anche quelle conclusioni e proposte avranno un ruolo importante.

Continuano a pervenirci messaggi di saluto e di augurio attraverso il sito. Grazie a quanti ci sono vicini con l’affetto e la preghiera.