info-22 gennaio 2012

This post is also available in: Inglese Francese Spagnolo Portoghese, Portogallo

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Abbiamo iniziato la giornata, pronte a entrare nei nostri temi e ricerche con speranza e fiducia, condotte dalla parola della Liturgia domenicale. Come il profeta Giona, abbiamo sentito anche noi la voce: «Alzati ed entra in Ninive, la grande città…»: una spinta ad andare decisamente verso la “Ninive” dei nostri paesi, il mondo degli uomini e delle donne d’oggi, ai quali annunciare la Buona Notizia del Vangelo e indicare la via della vera felicità. Ci ha accompagnate, nella celebrazione eucaristica, il senso di infinita gratitudine per la nostra chiamata nel giorno in cui il Maestro, passando nella Galilea della nostra quotidianità, ci ha detto, come ai primi discepoli: Vieni e seguimi…. E, al momento dell’offertorio, abbiamo rinnovato il nostro “eccomi”.

La domenica è stata poi “santificata” dal lavoro già programmato. Prima di tutto abbiamo comunicato le conclusioni del laboratorio sulla diffusione realizzato ieri. La ricerca e la comunicazione hanno evidenziato alcuni campi d’intervento: la nuova immagine delle Librerie Paoline, l’organizzazione al fine di ottimizzare le risorse, la formazione apostolico-professionale dei laici, le nuove tecnologie, la collaborazione europea.

Il lavoro proseguirà domani, nel tentativo di pianificare a breve, medio e lungo termine il cammino individuato. Avviandoci verso la fine del nostro meeting, si fa sempre più vivo il senso di responsabilità e la preghiera perché i desideri e i piani possano calare nella realtà.

Approfittiamo di questo spazio per esprimere il nostro grazie a tutte le persone che stanno “occupandosi” di noi: sr. Lucia Simula, nostra impeccabile ospite, che ci circonda di ogni premura; le sorelle del Sicom per l’aggiornamento in tempo reale della pagina dedicata all’Incontro continentale, e quelle di Casa generalizia, che offrono preghiere e servizi vari; i sacerdoti che ogni giorno celebrano con noi l’Eucaristia. E grazie, ancora una volta, a tutti quelli che non ci fanno mancare il sostegno del ricordo affettuoso.